In pochi si sarebbero aspettati un ritorno di fiamma di $ADA sui mercati, dopo che il progetto guidato da Charles Hoskinson ha finito per stancare molti dei primi investitori, anche a causa di uno sviluppo non eccellente del suo ecosistema, in particolare in termini di App Decentralizzate.

E invece i mercati delle cripto, come amano fare spesso, hanno invertito il sentiment repentinamente e hanno anche sbaragliato i tanti orsi che puntavano al ribasso. Cosa c’è dietro il boom di $ADA? Possiamo considerare questo “nuovo” livello di prezzo come duraturo?

Cardano può tenere la rotta? La nostra analisi

Potrebbe comunque non esse troppo tardi per entrare per chi guarda ad un orizzonte di medio e lungo periodo. Possiamo trovare $ADA anche sulla piattaforma sicura eTorovai qui per richiedere un conto gratuito di prova con la possibilità di TESTARE tutti i SERVIZI – intermediario che su Cardano offre anche lo staking automatico, cosa che ci permette di portare a casa anche delle rendite passive semplicemente tenendo aperta la nostra posizione.

Abbiamo anche a disposizione strumenti quali il CopyTrader per investire al top sulle principali cripto copiando le posizioni degli altri investitori di successo con un solo click, così come abbiamo a disposizione anche gli Smart Portfolios per fare investimenti già diversificati in panieri cripto. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale di trading o di investimento per il lungo periodo.

$ADA continua a piacere ai fondi: ma non c’è soltanto questo

Abbiamo parlato poco fa dell’apertura di un ETP targato WisdomTree che ha effettuato una selezione dei progetti più liquidi sul mercato. Liquidità in termini di marketcap che ovviamente Cardano può offrire. C’è soltanto questo dietro la scelta di WisdomTree? Ovviamente no, perché prima di arrivare a Cardano ci sarebbero stati diversi e illustri protocolli. Cosa che dunque almeno in parte è riconducibile ad una scelta da parte del popolare fondo.

Segno che non sono soltanto gli ultimi giapponesi del protocollo a credere nel fatto che possa migliorare quantomeno sul piano patrimoniale. Tutto questo mentre in realtà a breve ci si aspetta qualche movimento anche sul piano dell’ecosistema.

Il tutto però sempre dipendente, in questa fase come non mai, da Bitcoin che è stato il vero mattatore anche di questa sessione e che ha avuto grosso modo, almeno negli ultimi sette giorni un andamento quasi parallelo a quello di Cardano.

Recuperare Ripple è possibile?

Assolutamente sì. La lotta per il sesto posto sembra essere piuttosto serrata, sebbene Cardano abbia anche da difendersi da Solana, che con la performance di oggi si è portata estremamente a ridosso, in termini di cap, proprio ad $ADA.

C’è fervore pertanto tra i layer 1 che hanno provato a presentarsi come Ethereum Killer pur senza essere riusciti, almeno per adesso, a spodestare il protocollo che rimane leader del mondo DeFi. Ma ci sarà spazio, come abbiamo più volte ripetuto sulle nostre pagine, per diversi protocolli, se quello che conta è l’aumentare del marketcap secco. Perché questo settore, già a partire dal 2022 riprenderà il suo cammino di espansione tanto finanziaria quanto tecnologica. Noi rimaniamo convinti delle nostre previsioni Cardano con cardano che avrebbe comunque ancora un buono spazio di crescita anche per l’anno in corso.