Altra grande partnership di The Sandbox. Il più importante dei metaverse ospiterà infatti la prima sortita in questo comparto di HSBC, uno dei gruppi bancari più importanti del mondo (nonché uno di quelli che si era sempre dimostrato tiepido verso le cripto).

L’accordo, come vedremo più avanti, prevederà anche l’acquisto di $LAND all’interno dell’ecosistema, come in passato hanno già fatto grandi gruppi del calibro di Adidas. Cosa significa questa potenziale collaborazione? Lo vedremo nel nostro approfondimento, ma possiamo già anticipare che si tratterà di qualcosa che includerà finanza e anche collaborazioni con il settore del gaming.

Metaverse sugli scudi: HSBC entra in The Sandbox

Ottima notizia per il protocollo che si sta affermando come più popolare a livello commerciale e per il suo token di riferimento $SAND. Lo possiamo trovare anche sulla piattaforma eTorovai qui per un conto demo che offre il top del FINTECH anche per il trading automatico grazie al CopyTrader, sistema che offre la copia delle posizioni dei migliori trader.

Abbiamo anche gli Smart Portfolios, che ci permettono di investire su tutto il comparto meta e che includono anche le azioni più interessanti del comparto. Ci bastano 50$ per passare ad un conto reale.

HSBC sbarca sul metaverse di The Sandbox

Una notizia potenzialmente più importante per The Sandbox rispetto a quanto è già avvenuto in passato con l’arrivo di Adidas e di tanti altri gruppi. Questa volta a fare il suo ingresso in questo popolare metaverse è infatti HSBC, gruppo bancario di origine britannica ma con una presenza estremamente importante nel Lontano Oriente, quell’Oriente che nella corsa al Metaverse sembrerebbe essere decisamente più avanti rispetto ad Europa ed USA.

Andiamo con ordine: HSBC farà il suo ingresso in The Sandbox, tramite l’acquisto di $LAND, il NFT che rappresenta i relativi appezzamenti di terreno virtuale nel metaverse, con la blockchain a fare da catasto virtuale.

Ci sarà però di più: non sarà una presenza soltanto pubblicitaria. Secondo quanto è stato confermato anche da Animoca Brands la banca offrirà anche servizi finanziari evoluti in relazione al suddetto metaverse e ai suoi abitanti. Con un occhio anche al mondo degli e-sports e all’esperienza più squisitamente ludica.

Il metaverse è come le persone sperimenteranno il Web3, la prossima generazione di Internet – utilizzando tecnologie immersive come la realtà aumentata, la realtà virtuale e la realtà estesa. Tramite la nostra partnership con The Sandbox stiamo facendo il nostro ingresso nel metaverse, che ci permetterà di creare esperienze brand innovative per i clienti nuovi e già consolidati.

Questo il commento del capo del marketing per HSBC in oriente, che ci aiuta a delineare quali saranno i prossimi passi dell’importante banca nel metaverse di The Sandbox.

Inversione a U per il gruppo bancario

HSBC non è mai stata morbida nei confronti delle criptovalute. Il gruppo, nel Regno Unito, era stato tra quelli che aveva bloccato i trasferimenti da e per gli exchange, adducendo motivazioni poco credibili relativamente alla sicurezza.

Un inversione di marcia rapida e repentina, che neanche noi ci saremmo mai aspettati. Segno che qualcosa sta cambiando anche ai piani alti della finanza, in particolare quando la blockchain può offrire effettivamente nuove opportunità di business. The Sandbox continua con la sua ascesa, cercando di staccare anche quello che è il rivale di sempre, Decentraland, che sembrerebbe essere anche se in misura marginale meno attrattivo per i principali business su scala mondiale.

C’è però spazio per tutti in un mondo che è ancora agli albori e che con ogni probabilità continuerà ad espandersi, magari anche verso il settore delle piccole e medie imprese. Con The Sandbox e il suo $SAND in testa, che fa già parte del nostro portafoglio di investimento.