Nike vuole impedire a StockX di vendere NFT delle sue scarpe

 

Nike
Fonte: AdobeStock / pavel siamionov

 

Nike ha intentato una causa civile negli Stati Uniti contro la piattaforma di rivendita di moda online con sede a Detroit StockX, sostenendo che quest’ultima utilizza immagini non autorizzate delle sue calzature in offerte di token non fungibili (NFT).

Nike: Gli NFT di StockX violano i suoi diritti sul marchio

In un reclamo di 50 pagine, presentato al tribunale distrettuale meridionale di New York, gli avvocati di Nike hanno affermato che le offerte Vault NFT di StockX violano i suoi diritti sul marchio e hanno affermato che potrebbero causare confusione ai consumatori.

La richiesta è proseguita chiedendo danni finanziari e un’ingiunzione del tribunale che avrebbe impedito a StockX di vendere gli NFT.

Gli avvocati nominati da Nike hanno scritto dell'”appropriazione indebita da parte di StockX dei famosi marchi di fabbrica di Nike e della buona volontà di sostenere il suo ingresso nel redditizio mercato NFT e del collezionismo digitale”. Questo, hanno aggiunto gli avvocati, cerca di privare Nike “del suo diritto esclusivo di utilizzare i suoi marchi in relazione a questo nuovo mezzo commerciale [NFT]”.

La richiesta non prevedeva una cifra per il risarcimento, ma affermava che il suo marchio era stato “diluito” dalle offerte di StockX, citando “concorrenza sleale”.

Inoltre ha chiesto alla corte di “impedire rapidamente e permanentemente a StockX di continuare a vendere Vault NFT con i famosi marchi di Nike”.

Gli avvocati hanno affermato che “558 singoli Vault NFT a marchio Nike” erano stati messi in vendita sulla piattaforma StockX.

Secondo il sito Web di StockX, i suoi Vault NFT sono “supportati da un oggetto fisico tenuto in custodia da StockX, legato direttamente uno a uno tramite la blockchain”.

In quanto tale, si spiega,

“Se l’oggetto fisico associato a Vault NFT viene riscattato dal proprietario, viene rimosso dal StockX Vault e spedito al proprietario. StockX rimuoverà quindi il Vault NFT dal wallet del proprietario e dalla circolazione (ovvero “brucia” il Vault NFT).”

La società afferma inoltre che i suoi Vault NFT consentono agli acquirenti di “investire nella cultura attuale come mai prima d’ora”, consentendo loro di possedere un articolo “senza mai prenderne possesso” o pagare le spese di spedizione. “Inoltre”, ha aggiunto l’azienda, “puoi venderlo senza doverlo inviare a noi e con meno commissioni di vendita”.

Il team legale di Nike ha affermato che i consumatori “si stanno già chiedendo se Nike abbia autorizzato StockX a vendere i suoi prodotti NFT che violano il marchio”, oltre a chiedere all’azienda “come StockX ha ricevuto” l’autorizzazione a vendere NFT con il marchio Nike.

Nike nel mondo degli NFT

Nike si è tuffata a capofitto nel mondo degli NFT e le sue gamme sono già in vendita su piattaforme come OpenSea. Nel dicembre dello scorso anno, la società ha acquistato RTFKT, un produttore di scarpe da ginnastica virtuali e oggetti da collezione, nonché NFT relative alle scarpe.

Se Nike avrà successo con la sua mossa legale contro la piattaforma, anche altre aziende di abbigliamento sportivo potrebbero seguire l’esempio: la piattaforma offre anche NFT di Adidas.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

– Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

– Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

– Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
– Nike & Microsoft Rush Into Metaverse
– Nike ha acquistato un creatore di sneakers per il Metaverso
– Prada & Adidas Launch NFTs on Polygon
– Tendenze 2022 del Metaverso
– Previsioni 2022 del settore NFT
– Previsioni 2022 del settore DeFi